Scirocco of change


Io a questo fatto che tutto può cambiare in un secondo non ci ho mai creduto, non ho mai voluto farlo.

Un po' perché forse ho sempre preferito rotolare nel mio pessimismo leopardiano come una polpetta nel sugo, un po' perché finora quando mai mi era capitato che tutto, ma veramente tutto, cambiasse in un secondo?

Ma andiamo con ordine, è poco più di un mese che non scrivo ed è stato un aprile a dir poco denso di novità.

First of all, sono diventata un anno più vecchia: ora sono una ventinovenne contadina con maccaturo annesso, che si aggira sporca di terra su un pick up spesso carico di verdure altrettanto sporche ma piene d'amore.

Io e il mio ego siamo sempre stati felici di celebrare il compleanno, ma quest'anno siamo stati tranquilli e circondati di affetti veri, e soprattutto mi sono regalata un tramonto su candelina che sarebbe degno di un post a se stante per quanto è stato magico. Perché, parliamoci chiaro, è vero che tanto è cambiato, ma i soliti antagonisti di questa favola continuano ad impegnarsi per rovinarmi il finale, e ci hanno provato pure il giorno del compleanno, ça va sans dire.


Ho visitato una fabbrica di cioccolato magica e storica, sentendomi un'umpa lumpa un po' troppo cresciuta per qualche ora, incrociando storie di donne con la terra nel cuore come me, e poi la sorpresa: sono stata eletta responsabile provinciale di Donne Impresa in Coldiretti, così, all'improvviso. Ho conosciuto persone che sono piacevolmente sorprese da ciò che sono, che mi apprezzano, che mi stimano e mi stimolano a fare sempre di più e sempre meglio. Ho visto negli occhi di persone quasi sconosciute ciò che non avevo ancora visto in chi mi conosce da sempre: l'orgoglio.


E da lì mille avventure, mezza italia girata in due settimane:

- il Vinitaly di Verona, con un inaspettato ruolo da traduttrice simultanea e l'iniziale imbarazzo di dover intervistare in video tutti i produttori campani soci Coldiretti (e anche Sal De Riso!)

- il corso di formazione Donne Impresa nella meravigliosa sede di Palazzo Rospigliosi... l'opportunità di conoscere e confrontarsi con donne di altre realtà, di altre regioni, con altre radici.

- il Villaggio Coldiretti di Bari, che mi ha arricchita di tanti sorrisi puri e semplici di bambini. Sono diventata l'angelo custode di tanti piccoli pugliesi curiosi, indisciplinati, dolci, esagitati, belli, sensibili, chiassosi. Sono tornata per tre sere in hotel senza nemmeno la forza di cenare, ma con un sorriso e una gioia nel cuore che non saprei nemmeno come descrivere.

Non ho abbandonato le mie figlie, le mie piantine. Le ho portate con me nel cuore e ho fatto in modo che non si sentissero sole. Ho ripreso a consegnare le verdure, a rivedere i miei clienti e a conoscere i nuovi che hanno deciso di affidarsi alle mie inesperte ma passionali mani e ai frutti di questa terra che tanto mi fa soffrire e ancor di più si fa amare. Ho urlato di gioia quando ho scoperto di avere un cliente che ancora non è venuto alla luce, che si nutre dal grembo della sua meravigliosa madre dei frutti della mia passione.

Un sacco di gioie, un sacco di emozioni, un mare di sorrisi.

Ho anche incontrato qualcuno, per puro caso e in maniera anche piuttosto romantica. Qualcuno che mi guarda con lo stesso orgoglio che non vedevo nello sguardo di nessuno fino a poco fa. Ho riscoperto emozioni che non provavo da tempo, mi sento viva. Ho smesso di ascoltare la parte di me che mi diceva "non ne vale la pena per nessuno" e anche quella che mi dice "non hai tempo per queste cose".


Respiro ogni giorno sapendo che tutte queste belle cose potrebbero finire, o smettere di succedere, eppure non ho cambiato quella che ho sempre considerato la parte migliore di me: una Valentina che ha sempre sostenuto che le cose è meglio viverle, per portarle nel cuore e nell'anima, piuttosto che doversi dire "chissà come sarebbe stato se..."

A Pullecenella 'o vedono sulo quanno va 'ncarrozza.

Pulcinella viene visto soltanto quando va in giro in carrozza.

Le persone vengono invidiate, ma quando lavorano sodo, nessuno le nota.

#dettinapoletani #diariodibordo #flussodicoscienza

13 visualizzazioni

© 2017 by Rareche. Proudly created with Wix.com